Covid-19: le novità per le imprese lombarde dopo il 17 maggio

Domenica 17 maggio, dopo l’approvazione del DPCM di Conte, la regione Lombardia è emanato l’ordinanza n°547 che:

Nel caso di lavori che non prevedono la presenza fisica del datore di lavoro o suo delegato (es. guardiani, autisti, assistenti domiciliari, …), l’obbligo della misura della temperatura deve essere rispettata con le seguenti modalità:

L’Ordinanza prevede infine che IN ASSENZA di strumento di rilevazione idoneo per difficoltà di reperimento sul mercato è consentito, solo in via transitoria, che il datore di lavoro o suo delegato verifichi all’arrivo sul luogo di lavoro, la temperatura che il dipendente o, il cliente nel caso dei ristoranti, prova con strumento personale idoneo.

Le disposizioni della Ordinanza, che sostituisce l’Ordinanza n. 546 del 13 maggio 2020, producono i loro effetti dalla data del 18 maggio 2020 e sono efficaci fino al 31 maggio 2020.